sabato 20 aprile 2013

Seiser Alm - I boschi di Castelrotto tra Marinzen Alm e le Sedie delle Streghe

Il cielo si caricava della fitta presenza di nubi, spesso inclini a continue precipitazioni. Il bosco di Castelrotto ci proteggevasotto la stretta tessitura dei suoi rami, lasciando filtrare l’umidità in manifestazioni di  nebbia svaporata, disposta più a conferiremistero che a disorientare. La leggenda delle streghe viveva in quei boschi di alberi altissimi, dove le piante compivano veri e proprislanci verticali alla ricerca della luce. Alcuni sedili in pietra ne rievocavano il mistero, accrescendo di molto il proprio valoregrazie al contesto naturalistico circostante: ogni cosa appariva incantata come sotto l’attrattiva seduzione compiuta da unamegera. Il fondo del sottobosco si ammantava di morbide distese di muschio impreziosite dai fiori dell’erba epatica, scoprendosisolo lungo la via del sentiero, ordinato e inconfondibile, che ci guidava nei nostri itinerari. Le radure sommitali si aprivano alcielo lattiginoso, la neve ghiacciata segnava il limite del nostro cammino, suggerendoci percorsi più bassi. Il laghetto artificialedi Marinzen specchiava a tratti i riflessi delle montagne sbiadite nella nebbia, la sua superficie viveva i giochi d’espansione dellegocce d’acqua, dove ognuna cercava l’altra attraverso l’estensione di anelli concentrici. La quiete dei pascoli di altaquota vedeva distese immense di verde, le piante compivano tutte i propri miracoli, con la vita che rifioriva attraverso le gemme più preziose.
 
Per dormire a Castelrotto consiglio: PENSIONE DORFBLICK - FAM. GOLLER KONRAD - S. MICHELE 4/1 - 39040 CASTELROTTO - ALTO ADIGE – ITALIA - TEL: 0039 349 1753438 http://www.dorfblick.it/ita/index.html

2 commenti:

  1. Belle foto e bel posto! Complimenti e grazie per la pubblicazione. Saluti

    RispondiElimina