domenica 23 luglio 2017

Monte Terminillo e la Vetta Sassetelli passando per Fontenova e la Sella di Leonessa

Il monte Terminillo un tempo apparteneva agli abruzzesi, mentre ora a poco meno di un secolo era divenuto simbolo della provincia reatina.Nel bosco presso Fontenova erano ancora visibili i vecchi impianti di risalita, ormai abbandonati e arrugginiti, ricordo lontano del boomturistico degli anni 50. Ma ormai il bosco si era ripreso i suoi spazi e i suoi silenzi, rimanevano solo il rumore dei motori che salivano verso laSella di Leonessa, ma che si spegnevano subito dopo sopra il Rifugio Sebastiani. Il filo di cresta si cullava solo del rumore del vento, leggeropiacevole, e percorreva la cima del Terminillo e dei Sassetelli, mostrando la bellezza di ampi panorami e magnifici canali rocciosi.

domenica 9 luglio 2017

L'Inghiottitoio di Val de Varri

L’ingresso naturale dell’Inghiottitoio di Val de Varri era come una bocca della terra spalancata a divorare le acque del fiume, una vera epropria voragine sotto un dirupo impreziosito dalla vegetazione, che nonostante l’assenza di scorrimento superficiale era tuttavia moltosuggestivo. Discesi sul greto sotterraneo, una lunga serie di vasche e piccole cascate definiva il percorso prevalentemente acquaticosormontato da concrezioni, era davvero una grotta molto bella, con quelle colate di calcite che pendevano come lampadari, fatte di biancoassoluto e in totale contrasto con la patina scura del diossido di manganese. C’erano il Lago del Bottino, il Lago della Lampada, il Lagodella Bussola, la galleria delle Marmitte Sfondate con il Lago della Diramazione, il Lago del Gomito e il Lago Terminale, tutte acque buie eprofonde rese ancora più indefinite dalle rocce nere. Rospi, girini e altri animali erano stati introdotti dall’esterno dal fiume, li scorgevamonella parte finale, sbiaditi e silenziosi, alcuni anche misteriosi.
Uscita Speleologica del Gruppo GGFAQ – Gruppo Grotte e ForreFrancesco de Marchi - CAI  L'Aquila – www.ggfaq.it

domenica 2 luglio 2017

Cercando l'Eremo di Sant'Onofrio del Fosso Venacquaro, tra Prato Selva e il Rifugio del Monte

Dell’eremo di Sant’Onofrio ormai non rimaneva più nulla, se non il nome rimasto alla località. I vecchi ruderi erano stati ricoperti dapiante e muschi, solo il sentiero rimandava alla presenza degli uomini. Pioveva nel bosco, il cielo macchinava rimbombi sommessi che prestoavrebbero preso voce nel temporale. Giunti al Rifugio del Monte, l’accoglienza di Arnaldo ci faceva sentire a casa, la pioggia divenivabattente, si sentivano i fulmini, e il senso di protezione che può dare un rifugio di montagna veniva amplificato da quella dimensione semplicee umana, di chi si riunisce sotto un riparo mentre fuori c’è brutto tempo, di chi condivide tutto senza conoscersi.
Per informazioni sul Rifugio del Monte: www.rifugiodelmonte.it