sabato 13 luglio 2013

Traversata da Pizzo Cefalone a Pizzo Camarda

Il versante Occidentale del Gran Sasso si lasciava lambire dalla luce del mattino, l’erba in quota ancora non si seccava sotto leintenzioni dell’estate, ma appariva ancora viva e brillante, degna della stagione precedente. Seguivamo i sentieri marcati di PizzoCefalone godendo soltanto della presenza dei camosci appenninici, che, nonostante distanti da noi, ci concedevano ilprivilegio di essere osservati. I versanti a Nord trattenevano ancora diverse lingue di neve, scivolavano dentro Campo Pericolie il Venacquaro, impreziosendo i ghiaioni della loro candida apparenza. Non toccavamo nessuna croce portando rispetto allamontagna, l’aria tendeva a caricarsi sotto le instabilità svaporando la parte sommitale in tratti di nuvole.  Di seguito allaCima del Papa si apriva il lungo cammino delle Malecoste, altri camosci e miliardi di fioriture raffinavano quella visione caldoumida ricca di profumi. Scendevamo poco oltre Pizzo Camarda, i piccoli laghetti in quota vivevano lo stazzo delle bestie: cavalli emucche appagavano con quiete le loro ore, in uno degli angoli più belli del Gran Sasso.

6 commenti:

  1. Come sempre tutto molto bello :-)
    Cieli sereni e buona montagna.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nuwanda, buona montagna a te! :-)

      Elimina
  2. Bellissimo!! Complimenti anche della tua descrizione che come sempre ti fa sentire partecipe dell'escursione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa cosa che hai scritto mi fa molto piacere! grazie sei sempre molto gentile

      Elimina
  3. Beh, sono d'accordo con Giuliano. Le tue belle foto, accompagnate dalla descrizione dettagliata e le mappe, davvero ci trasportano a viaggiare con te. Complimenti. Abbraccio, Sara!

    RispondiElimina