sabato 16 marzo 2013

Il Castello di Preturo e la Chiesa di San Pietro

Un sentiero anonimo attraversava il territorio del querceto sopra Preturo, perdendosi nel fitto intrico di arbusti selvatici; tutto sichiudeva in passaggi serrati, e si lasciava proteggere dalle spine dei ginepri e dei prugnoli. Dell’antico castello di Preturo nerimanevano appena pochi sassi: la vegetazione aveva inglobato a sé quello che l’uomo secoli addietro le aveva tolto, lasciando solopolvere e qualche pietra, affini più all’idea di possibili terrazzamenti che fondamenta di castelli. Nel XIII secolo ilCastello di Preturo contribuì alla fondazione della città dell’Aquila, ricevendo dei locali nel quarto di San Pietro. Inpaese, la Chiesa di San Pietro a Preturo era stata recentemente ristrutturata, la bellezza dei suoi affreschi finalmente si esaltava dicolori rinnovati. La sua origine risaliva circa al 1170, attraversando secoli e profonde ristrutturazioni, ma nonostantequesto tutelata sempre dai suoi abitanti, che in ogni tempo ne custodivano la bellezza romanica. L’antica Amiternum rivivevaincisa nei frammenti lapidei utilizzati per costruire la chiesa, la sua importanza giungeva ai nostri giorni ormai quasi inosservata, eppure immortale nei solchi della pietra.

Nessun commento:

Posta un commento