sabato 6 gennaio 2018

La Giostra sopra la Valle di Amplero

La Piana di Amplero conteneva un bacino di nebbia che gradualmente scopriva la sua parte bassa, mostrando il pascolo lento dei cavalli e ildisegno articolato di un rivolo in fuga verso l’inghiottitoio. A monte di un piccolo colle il bosco custodiva i resti della “Giostra”, una zona diculto racchiusa da una cinta fortificata, dove una cisterna, un edificio rettangolare, un santuario ed un deposito votivo erano il cuore diquell’area sacra al popolo dei Marsi. Negli anni ’70 e ’80 una campagna di scavi portò alla luce molti reperti e oggetti votivi, interrati non solosul colle ma anche nel resto del circondario: vi erano moltissime tombe, numerose lapidi e stele, un bellissimo letto d’osso e le famose“gambe del diavolo”, elementi tuttora custoditi al Museo Archeologico Nazionale di Chieti. Benché non vi fossero più quei reperti, ma solobasamenti di mura anonime e sassi dismessi, quell’area continuava a mantenere il suo fascino sacrale, forse suggerito dalla suggestione del vagare di anime dell'antico popolo dei guerrieri marsi.

Nessun commento:

Posta un commento