lunedì 16 dicembre 2013

Sant'Eramo di Lucoli e la Grotta di Sant'Onofrio

Su un pianoro roccioso sul versante Ovest di Monte Orsello giacevano i resti dell’antico villaggio medievale di Sant’Eramo,menzionato in una bolla papale del 1215. Le pietre si cumulavano lungo i perimetri delle poche case sparse, definendo quello che untempo era un piccolo paese abitato. Di tanto in tanto riemergevano le tracce delle Vie Amiternine, antiche mulattiereormai abbandonate, ma che secoli addietro facevano da congiunzione a due delle più importanti vie di comunicazione delcentro Italia: la Via Salaria e la Via Valeria. Attraverso di esse la Conca Aquilana e la Marsica trovavano il possibile collegamentoper gli scambi commerciali. Il villaggio di Sant’Eramo si affacciava sul profondo vallone di Sant’Onofrio, questo luogo prendeva ilnome del Santo che vi aveva dimorato, al riparo di una spelonca ricavata nella sua parete rocciosa. Pare che questa grotta sia statascavata a mano da un eremita circa nel XIII secolo, e che qui vi abbia vissuto per tutta la vita, probabilmente fino alla morte. Lagrotta si apriva come una balconata esposta a Sud, e raccoglieva al suo interno tutto il calore del sole. Il bosco sottostantemitigava qualsiasi movimento del vento, lasciando colmare quel luogo soltanto di pace e beatitudine.

2 commenti:

  1. Ciao Sara, complimenti per il tuo bellissimo blog! Ti seguirò per conoscere le bellezze del tuo Abruzzo e magari prendere spunto per future escursioni...chissà...
    A presto, buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!! E tantissimi auguri a te :-)

      Elimina